Cerca
Close this search box.

Mindfulness a lavoro: tra benessere e consapevolezza

La parola Mindfulness significa consapevolezza, essere consapevoli nel momento presente e senza giudizio di ciò che accade nella nostra mente, nel nostro corpo e intorno a noi; riprendere il controllo della propria vita e saper dirigerla nella giusta direzione. Allenare la consapevolezza ci aiuta a smettere di rimuginare, a uscire dagli automatismi che ci intrappolano e non ci fanno vivere una vita piena ed appagante, permettendoci di abbandonare i nostri giudizi e, di conseguenza, l’ansia e lo stress. Negli ultimi anni la psicologia del lavoro sta riservando alla Mindfulness un’attenzione sempre crescente, comportando un notevole sviluppo nel campo della formazione aziendale con l’intento di fornire ai propri dipendenti strumenti concreti per affrontare al meglio i complessi stimoli quotidiani e rispondere agli stessi in modo consapevole. I motivi per cui si cerca di promuovere e coltivare il benessere in azienda attraverso la pratica di questa antica disciplina sono molteplici, tra cui il raggiungimento di una maggiore efficacia aziendale. La realizzazione di qualsiasi miglioramento aziendale non può avere luogo senza un’accresciuta efficienza delle prestazioni personali.

Il posto di lavoro può essere un luogo stressante, le organizzazioni sono spesso in difficoltà e le persone gestiscono molti più impegni rispetto al passato. Evitare un eccesso di stress e situazioni di squilibrio porta a diminuire il rischio di malattie e situazioni di “burn out”, turn over e assenteismo, quindi la mindfulness cambia il modo in cui elaboriamo le informazioni e gestiamo gli effetti dello stress e dell’ansia.

Infatti, sempre più studi confermano come la meditazione in azienda promuova nell’individuo un cambiamento profondo nel modo di rapportarsi alla dimensione lavorativa; nel modo in cui le persone percepiscono il loro ruolo, la relazione con gli altri e il significato stesso di lavoro. Attraverso la pratica, l’individuo attivamente e intenzionalmente impara ad aprire spazi nuovi nella propria vita e il valore del fermarsi, verificando la validità di ciò che sta facendo e trovando la via più vantaggiosa da seguire.

Quali sono i benefici della Mindfulness in azienda?

La Mindfulness in azienda porta:

  • Una maggiore focalizzazione: ovvero la possibilità di mantenere l’attenzione in modo intenzionale su ciò che vogliamo e ridurre i fattori distraenti. Essere più consapevole, meno reattivo e intrappolato in reazioni emotive automatiche permette di prendere migliori decisioni e gestire i problemi;
  • Un livello più elevato di chiarezza: cioè la consapevolezza chiara dei pensieri e delle emozioni nel momento in cui si manifestano e la non reattività ad essi (risposta ponderata anziché impulsiva);
  • Un maggiore sviluppo della creatività: ovvero la libertà di trovare soluzioni nuove e migliorative liberandosi di alcune trappole della mente e coltivando specifiche qualità dell’essere;
  • Livelli più alti di empatia e comprensione: essere presenti con gli altri, capirne i bisogni e, con saggezza e umiltà, entrare in una relazione di solidarietà e comunità.

Alcuni esempi pratici

Così come è possibile migliorare la propria forma fisica attraverso esercizi regolari, è possibile fare lo stesso con lo stato di mindfulness, con pratiche mentali quotidiane. I manager e le risorse umane possono sfruttare la mindfulness, infatti avendo l’obiettivo di accrescere l’efficienza degli standard qualitativi personali è possibile realizzare specifici spazi di benessere psico-fisico . Possono essere utili allo scopo, anche momenti formativi strutturati e continuativi con il fine del potenziamento della concentrazione, per aumentare le prestazioni e gestire lo stress, così determinando migliori condizioni lavorative.

Vi sono diversi esercizi che si possono attuare all’interno dell’ambiente lavorativo:

  • concentrarsi sul respiro può liberare la mente dai pensieri superflui, si tratta del modo più efficace per coltivare la consapevolezza;
  • grounding, consiste nell’avere coscienza del proprio corpo e delle sensazioni che prova, si pone attenzione su ogni parte del corpo: prima sulle gambe, le braccia, le mani, il volto, soffermandosi su fronte collo e schiena, dove più si manifesta lo stress. Facendo anche caso a dove è appoggiato il nostro corpo, ad esempio la sedia della scrivania.

Oggi la complessità dei mercati spinge le aziende a guardare la realtà con occhi nuovi, così da riuscire a preparare il proprio personale ad affrontare sfide e pressioni con un crescente livello di sicurezza. Ed è proprio per questo che le imprese hanno abbracciato l’utilizzo della Mindfulness in ambito organizzativo, diffondendola a tutti i livelli del loro organigramma. La mindfulness è un approccio in grado di migliorare qualitativamente le prestazioni individuali e le dinamiche relazionali, risorse di cui l’azienda ha più bisogno per rispondere alle esigenze di un mondo costantemente in evoluzione e trasformazione. 

Claudia Lofaro e Luigi Corrado Fazzo

Bibliografia

Nacamulli R. C. (cur.) Lazazzara A. (cur.) L’ecosistema della formazione: Allargare i confini per ridisegnare lo sviluppo organizzativo. EGEA, 2019

Articoli recenti

I nostri servizi